titolo-cantina

winery1-circle

clear

winery2-circle

clear

winery3-circle

clear

Tanto lavoro in vigna,  giorni passati a interrogare la meteo e le analisi dell’uva… quando finalmente si comincia a vendemmiare la cantina prende vita.

Quando abbiamo iniziato non avevamo idea di cosa fosse una vinificazione.

Massimo Azzolini, l’enologo trentino che aveva accettato di seguirci con evidente passione per le sfide, pose una condizione. Ci avrebbe aiutate a patto che della vinificazione ci fossimo occupate noi tre sorelle, senza deleghe o aiuti. La prima vendemmia è stata un’epopea: in cantina 24 ore su 24, su e giù sulle scale a controllare le vasche compulsivamente, la pressa che si ferma alle tre di notte e non riparte, le vinacce da spalare, al telefono con Massimo cento volte al giorno.

Ne siamo uscite tramortite, ma anche felici e totalmente e irrevocabilmente addicted.

Massimo Azzolini non ha mai smesso di seguirci, e ora possiamo contare anche sull’aiuto prezioso di Ivano Rossi, che di Gavi e del Gavi conosce ogni cosa.

Ogni anno, a settembre, la nostra missione è rispettare in cantina il frutto della vigna, con interventi minimi, il controllo della temperatura e tanta cura.

Tutte le fasi di lavorazione dei nostri vini si svolgono nella nostra cantina di Tassarolo, nella quiete di una valletta nascosta da boschi e colline.

Il suo nome, La Bella Alleanza, deriva da un trattato concluso qui nel corso delle guerre napoleoniche: per noi  il nome celebra l’alleanza tra uomo e natura da cui nascono i nostri vini.

La cantina ospita attrezzature d’avanguardia, e alle vasche in acciaio inox costruite su misura abbiamo affiancato vasche in cemento termo condizionate. Un impianto fotovoltaico ci permette di essere autosufficienti nel rispetto  dell’ambiente.

Fra una pigiatura e l’altra, ci si riposa all’ombra di un grande gelso, e se c’è il tempo di una passeggiata si va tra i vigneti di Tassarolo a trovare la nostra Rovere Verde, censita tra gli alberi monumentali del Piemonte, che la tradizione orale fa risalire addirittura al XIV secolo  e  che da il nome alla vigna da cui produciamo la nostra Riserva.

Cercatore d’alberi